Coppa del mondo finale Arosa

JUDITH WYDER PUÒ TORNARE A SORRIDERE – BUONA PROVA DI ELENA ROOS!

SUI Judith Wyder (Arosa, middle distance, 03.10.2015)

Wroclaw, Polonia – Judith Wyder torna al successo. La ventisettenne bernese, con una gara perfetta, ha saputo cogliere oggi la prima vittoria nella gara sprint valida per la Coppa del Mondo di corsa d’orientamento, a Wroclaw, in Polonia. La Wyder, che era reduce da una stagione tutt’altro che brillante segnata anche da un infortunio, ha messo alle spalle la grande rivale danese Maja Alm, distaccandola di 8 secondi. Ben tre le atlete sul terzo gradino del podio: Tove Alexanderson (SWE), Marika Teini (FIN) e Nadiya Volynska (UKR), a 29 secondi dalla leader. Da segnalare la grandissima prestazione della ticinese Elena Roos, che conclude come seconda migliore svizzera al quattordicesimo posto, a 1:10 dalla Wyder.

Elena è partita abbastanza tranquilla: al primo tempo radio ha fatto segnare il 34° tempo di tratta, ma poi ha saputo accelerare notevolmente sul finale, recuperando infine ben 20 posizioni e battendo atlete che corrono il circuito mondiale da più tempo di lei, come le connazionali Rhael Friedrich, Julia Gross e Sabine Hauswirth. Elena si dimostra dunque in pienissima forma, portando buoni auspici per i campionati europei in Cechia del mese prossimo e avvicinando sempre di più la tanto desiderata qualifica al campionato assoluto del mondo sprint. BRAVA ELENA CONTINUA COSÌ!

Judith Wyder ha invece ritrovato la massima forma che l’aveva portata nel 2014 a vincere ben 4 medaglie ai Campionati del Mondo. La giovane bernese, reduce da una stagione poco brillante del 2015 dove non aveva raggiunto i risultati sperati, si è allenata per quasi un anno nei difficili terreni svedesi, per ritrovare la tecnica e la condizione fisica necessari per tornare al top (vedi intervista). Il duro allenamento e la tenacia hanno dato i suoi frutti: infatti la Wyder si è imposta con facilità nella gara odierna, mantenendo, nonostante quale piccolo errore, la leadership da inizio a fine gara. Giochi aperti ora per il titolo europeo sprint tra lei e la danese Maja Alm; ma attenzione pure Tove Alexanderson e Nadiya Volynska potrebbero mettere i bastoni tra le ruote e bisogna sempre considerare un possibile exploit di atlete meno favorite, come potrebbe esserlo la nostra Elena RFoto0002oos.

Grande soddisfazione per i colori rossocrociati pure in campo maschile: a conquistare la vittoria è infatti Matthias Kyburz, che lascia alle spalle per un solo secondo il connazionale Daniel Hubmann, terzo a cinque secondi il campione del mondo uscente, lo svedese Jonas Leandersson. Sia Kyburz che Hubmann hanno cominciato molto tranquilli la loro gara, ma hanno poi saputo recuperare nella parte centrale della gara e mantenere fino al traguardo il loro vantaggio. Un ottimo risultato per la nazionale rossocrociata che fa ben sperare per i campionati europei del mese prossimo in Repubblica Ceca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *